EMME è anche su:

venerdì 8 luglio 2011

2 film

Sono andato a vedere Tree of Life e Cars 2. Tirandomela un po', devo dire che sto diventando bravino nel formulare le mie aspettative per il cinema.. Sempre di più azzecco se quel film mi piacerà o meno, e sempre più spesso rientra nell'idea che in precedenza mi sono fatto di esso. Ingannevolezza dei trailer compresa. È quindi anche il caso di Tree of Life. Non che non mi abbia stupito e meravigliato, ma dal trailer (uno dei più belli che abbia mai visto) e dalla trama divulgata, avevo già capito che si aveva a che fare con un capolavoro. Sono in molti a non averlo capito, o a non averlo apprezzato, come la coppietta seduta davanti a me, entrata in quella sala solo per provare l'ebrezza di limonare a pagamento rompendo le palle a un centinaio di persone (infatti dopo l'intervallo sono spariti). Ma credo che film come questo debbano essere affrontati senza avere in testa preconcetti riguardo a cosa sia un film e di cosa un film debba parlare. Arrivare a toccare con così grande poesia e delicatezza temi come la morte e il senso della vita e delle cose, unendo il particolare all'universale, mostrando insieme i desideri di un bambino e la nascita dell'universo, il dolore di una madre e l'evoluzione della vita, mostrando come ognuna di queste cose sia parte di un tutto inscindibile, e che tutto abbia un senso ed un compimento, magistralmente suggerito dal genio di Malick, è una cosa rara, nel cinema dei nostri tempi.. Per quanto invece riguarda  Cars 2, mi è sì piaciuto molto.. ha una trama mozzafiato, una grafica da urlo e una comicità geniale, ma non mi ha meravigliato così tanto, dopo l'incredibile spettacolo di Toy Story 3.. Ma probabilmente è voluta la cosa: si tratta di un film molto diverso, e poi la serie dei giocattoli è quella con cui la Pixar ha aperto le danze per il grande cinema di animazione digitale, quindi doveva per forza essere quella più grandiosa.. Ma forse è meglio se torno alle mie mille cose da fare; vi lascio con 2 video di ciò di cui ho parlato!
 
La scena più epica e impressionante di Toy Story 3:
 
M